Vittorio Lussana

Papa Benedetto XVI ha deciso di esprimersi, nei giorni scorsi, sulla situazione politica italiana: a suo dire, al nostro Paese servono nuovi esponenti cattolici competenti e responsabili. Sull’analisi convengo persino, almeno per certi versi. Tuttavia, tale autorevole opinione, che in realtà viene espressa da tempo anche da molti esponenti assai poco ascoltati in questa fase della nostra vita politica, mi ha portato a chiedermi se la Chiesa di Roma sia sempre stata così lucida nelle sue formulazioni. Analizzando infatti alcuni aspetti evolutivi del pensiero politico clericale, la Chiesa di Dio in Terra possiede un retroterra storico-culturale più che conservatore: chi è povero deve rimanere povero, chi è ricco deve rimanere ricco, chi è imprenditore rimane imprenditore, chi è un lavoratore rimane un lavoratore: un pensiero sostanzialmente aziendalista, da multinazionale della fede. La Chiesa ha sempre approfittato della propria posizione culturalmente egemonica al fine di svolgere le proprie opere caritative che, a loro volta, sono considerabili come delle vere e proprie organizzazioni ideologiche. Sebbene sia la collettività a sostenere la maggior parte dei costi di tali istituzioni, la Chiesa, in quanto imprenditrice, viene lasciata nelle condizioni di disporne in totale libertà, generando da sempre ‘spazi sociali’ culturalmente estranei alla democrazia, quasi come se quest’ultima fosse un concetto accettato ‘obtorto collo’: un ‘boccone’ ancora non del tutto digerito. L’antico diritto ecclesiastico feudale, secondo alcuni studiosi clericali non apparterrebbe, sotto il profilo della propria ‘matrice’, né al diritto del lavoro, né a quello pubblico: è un diritto a sé stante, riservato all’interno del clero. Di conseguenza, si traduce in una dottrina abituata a fare e disfare a proprio piacimento, al fine di estendere le proprie zone di influenza in qualsivoglia settore. Tutto ciò serve a camuffare una verità storica tutt’altro che misericordiosa: la Chiesa è storicamente colpevole dell’antisemitismo multisecolare, che fa parte della sua Storia come uno dei suoi ‘marchi’ più peculiari e caratteristici. Non dovrebbe stupire nessuno il fatto che sia stato questo ‘marchio’ a condurre il mondo di filato verso le camere a gas del fedele cattolico Hitler. Nel cattolicesimo non v’è praticamente nulla di originale: tutto è mutuato, smembrato e rimesso a nuovo. E quel che non deriva dall’antico paganesimo è stato ricavato dall’ebraismo. Ciò nonostante, non potendo gli Ebrei riconoscere la variante cristiana della loro stessa fede ed essendosi affermato il principio che essi avrebbero fatto uccidere il presunto fondatore di una Chiesa, l’odio clericale verso di loro ha finito col divampare almeno per venti secoli. A partire dal Santissimo apostolo Paolo, che seguitò ad accusare i propri familiari anche e soprattutto dopo essersi convertito. Seguendo il suo esempio (e non certo quello dell’ebreo Gesù), quasi tutti i primi padri della Chiesa sono stati avversari convinti del ‘popolo eletto’, rendendo l’antisemitismo una semplice ‘variante culturale’ del cattolicesimo. Tertulliano, Agostino, Giovanni Crisostomo scrissero appositi libelli contro i Giudei. E scagliarsi contro di loro al fine di sfogare la propria tracotanza ha rappresentato, per quasi due millenni, il segno distintivo del cattolico più autentico. Nel II secolo d. C. San Giustino – uno degli apologeti più rappresentativi – addossava agli Ebrei la colpa “non solo del male che compiono essi stessi, ma anche di quello che tutti gli altri uomini generalmente commettono”. Come si può ben notare, un simile giudizio sommario reca già in sé il germe della legittimazione della ‘soluzione finale’. In seguito, il Santo Dottore della Chiesa Efrem definì gli Ebrei “mentecatti, nature servili, servitori del demonio”. Mentre San Giovanni Crisostomo considerò gli Ebrei, nel loro insieme, “non migliori dei maiali e dei montoni”. Nel 638 d. C. si arrivò al VI Concilio di Toledo, in cui venne ordinato “il battesimo coatto di tutti gli Ebrei viventi in Spagna”, mentre il XVII Concilio di Toledo, celebratosi nel 694, ridusse tutti gli Ebrei alla condizione di “schiavi”. Insomma, nessun aspetto dell’antisemitismo esploso nel XX secolo risultava inedito alla Chiesa. Nell’anno 306 d. C. venne proibito il matrimonio e i rapporti sessuali tra cristiani ed Ebrei, nonché la consumazione comunitaria dei pasti. Agli Ebrei non è stato mai permesso di ricoprire cariche pubbliche (Sinodo di Clermond, 535 d. C.), né di dar lavoro a collaboratori cattolici. Nel 681, il XII Sinodo di Toledo decretò “la distruzione col fuoco di ogni libro ebraico”, mentre il Concilio di Costantinopoli del 692 fece divieto ai cristiani di farsi visitare da medici Ebrei. E così via di seguito: divieto di circolazione per le strade nei giorni delle festività cristiane, divieto per i cattolici di abitare, anche per brevi periodi, presso famiglie ebree, obbligo di pagare la ‘decima’ ecclesiastica pur non appartenendo alla Chiesa. Senza contare che nessun discendente di Mosè, per lunghissimo tempo ha mai potuto citare un cattolico in un giudizio, né deporre come testimone a suo carico. Mi appare del tutto evidente come i sicari di Hitler non abbiano dovuto far altro che stendere il braccio e prendersi ciò che da secoli era già stato seminato. Ed anzi, forte rimane in me l’impressione che il dittatore austriaco non sia stato altro che l’erede diretto del pensiero cattolico nella sua prassi più omicida. Allorquando, nel 1933, Hitler ricevette il rappresentante dell’episcopato cattolico tedesco, al Vescovo che aveva di fronte dichiarò di non voler fare “niente di diverso da quanto la Chiesa aveva fatto per 1500 anni”. Quel Vescovo non ebbe nulla da obiettare, né disse alcunché quando Hitler gli confessò più specificatamente che “riguardo alla questione ebraica, sto per fare al cristianesimo il più grande dei servizi”. Hitler ha potuto ascendere ad un potere assassino perché la coscienza di parecchie centinaia di milioni di cattolici tacque o, addirittura, accondiscese alle sue azioni. E si potrebbe persino affermare che Auschwitz – e fors’anche Hiroshima - si fondino su esimie bimillenarie tradizioni filosofico – morali della Chiesa. Nei confronti del Reich hitleriano e del fascismo italiano, la stragrande maggioranza dei cattolici fu allineata e silenziosa. Nell’aprile del 1936, un gesuita rifugiatosi in Olanda definì la stampa cattolica della Germania “uno strumento disgustoso di menzogna”. Ma ciò non si notò nemmeno, visto che già due anni prima, nel 1934, l’insigne Michael Schmaus, che poi divenne membro dell’accademia bavarese delle Scienze negli anni ’50, aveva scritto che “cattolicesimo e nazionalsocialismo possono e debbono marciare insieme, mano nella mano”. A questo punto, la domanda sorge spontanea: da quale ‘pulpito’ parla, oggi, la Chiesa cattolica?




(articolo tratto dalla rubrica settimanale '7 giorni di cattivi pensieri' pubblicata sul sito web di informazione e cultura www.diario21.net)
Lascia il tuo commento

Giuseppe Minniti - italia - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 20.58
E finiamola qui?
Ma chi si crede di essere?
Il mio commento è: il suo articolo è offensivo per la mia persona.
Lo accetta?
o non accetta commenti che, per forza di cose, sono giudizi?
Comunque, dato che avete invaso il mio spazio senza alcuna mia autorizzazione, continuerò a NON MANDARE alcuna mail di disdetta, perchè così come non ho mai richiesto di ricevere il vostro giornale, non vi chiederò mai di cancellarmi con le forme da VOI IMPOSTE, ma vi diffido a mandarmi ulteriormente altri vostri testi, altrimenti sì che se ne occuperanno i tribunali!
Vittorio Lussana - Roma - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 18.41
SECONDA RISPOSTA AL SIG. MINNITI
No, sig. Minniti, lei è tenuto a fornire un commento, se vuole, non un gidizio, poiché non ne ha titolo: i giudizi si formano nei Tribunali. Mi mandi ordunque la e - mail che le ho richiesto, per piacere, e finiamola qui.
Grazie.
VL
Vittorio Lussana - Roma - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 18.34
SECONDA RISPOSTA PER IL SIG. BORGIOLI: io, invece, sono un laico credente, pensi un po'!!! Tuttavia, non confondo il cattolicesimo con il cristianesimo (queste sì, che son due cose differenti, come erano molto differenti Pietro e Paolo, erroneamente accostati dall'apologia clericale...). Difatti, nel mio articolo non mi sono permesso di tirare in ballo Cristo, che ritengo il primo vero laico della Storia. In secondo luogo, lei si contraddice quando dichiara di non conoscermi bene e però allude ad una mia ignoranza verso Marx (si figuri!!!) o Wagner, mentre invece lei a non conoscere i più recenti studi di Deschner e Horst. Infine, è sempre lei ad accomunare in un unicum monolitico Chiesa, cattolicesimo, cristianesimo e cattolici in senso stretto: si figuri quanto poteva essere contento un cattolico di non poter nemmeno sedere a pranzo, nell'antichità, con un amico ebreo o di non poter accettare da quest'ultimo un posto di lavoro ben remunerativo! La verità è che in questo Paese tutto ciò che viene considerato anche solo vagamente 'ereticale' viene, ancora oggi, bollato con l'ignominia. Puno e basta.
Comunque, la ringrazio per l'attenzione. Cordialissimi saluti.
VITTORIO LUSSANA
Fabrizio Borgioli - Firenze - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 18.8
Gentile Sig. Lussana, non ho il piacere di conoscerla e quindi neanche interesse a tentare di delegittimarla o screditarla personalmente, come dice lei: mi limito a commetare quello che ha scritto. Nessun dubbio sulle colpe secolari della chiesa (della chiesa, non del "cattolicesimo", per carità: c'è una bella differenza!); qualche perplessità in più, invece, sulla disinvoltura con cui, nel suo articolo, di esse si fa pretesto per odierne censure. E guardi che le sta scrivendo un laico non credente...
Giuseppe Minniti - Italia - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 17.56
Egregio sign. Lussana,
i giudizi sono giudizi. Non sono nè gratuiti nè a pagamento. Del resto lei è il primo a giudicare la Chiesa ed il suo operato - e molto duramente - senza curarsi di alcun sentimento altrui.
Quindi non si lagni del mio giudizio e mi cancelli.
Vittorio Lussana - Roma - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 17.7
Egregio sig. Minniti, la prego di inviarmi una mail con la sua cortese richiesta di cancellazione, evitando giudizi gratuiti sul lavoro del prossimo, al seguente indirizzo: vittoriolussana@hotmail.com
Provvederò personalmente a cancellarla dalla meiling list.
Distinti saluti.
VITTORIO LUSSANA
Vittorio Lussana - Roma - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 16.52
RISPOSTA AL SIG. FABRIZIO BORGIOLI: on vedo perché lei ritenga di potr affermare che sule origini dell'anisemitismo hitleriano io non dovrei essere a conoscenza di altre fonti alternatie. Mi sembra un pregiudizio 'piccato': forse lo è? E non vedo perché lei non dovrebbe ritenere valide le mie fonti sul cattolicesimo dei primi secoli dopo Cristo. Mi scusi ma vedo solamente, nel suo scritto, un tentativo di delegittimazioe e di screditamento personale nei miei confronti. E me ne dispiaccio, poiché mi sembrano giudizi in malafede. Il cattolicesimo ha le sue colpe secolari, non volevo scrivere nul'altro di pù, alla fine. Ma forse, molti vogliono dimenticarsene alla ricerca nuovi nemici o per legittimare l'arretratezza culturale complessiva di questo Paese.
Cordiali saluti.
VL
Fabrizio Borgioli - Firenze / Italia - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 16.42
Caro signor Lussana, lei è libero di pensare tutto quello che crede, ma dovrebbe avere l'onestà intellettuale di non cercare di far passare i suoi legittimi gusti personali per un'analisi storica, ché il suo scritto, di storico - mi creda - proprio non ha nulla. Se lei volesse indagare le origini dell'antisemitismo hitleriano, troverebbe tante cose interessanti (e, mi par di capire, per lei anche nuove) negli scritti di illustri tedeschi dell'ottocento (cito, tanto per fare nomi facili, Marx e Wagner), che con il mondo cattolico avevano ben poco a che fare. Dopo di che, se vuole continuare a recriminare perché la chiesa nel medioevo bruciava le streghe, buon divertimento...
Giuseppe Minniti - Italia - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 16.42
Non so come abbiate avuto il mio indirizzo.
Non mi sono mai registrato.
Non trovo nessun luogo a cui inviare la richiesta di cancellazione.
Voglio che DA SUBITO il mio nominativo venga cancellato perchè non desidero più ricevere questa spazzatura!
andrea - verona - Mail - mercoledi 10 settembre 2008 15.56
leggo con scandalo l'articolo pubblicato dal sig vittorio lusanna, che parte da una considerazione sul discorso del papa per arrivare a dire, o meglio, a far intendere che tutte le colpe dell'antisemitismo sono della Chiesa. A parte il fatto che l'articolo fa una analisi storico che di storico non ha nulla, collegando eventi storici con cirteri di giudizio attuali, ritengo tale articolo una grande cavolata in quanto articolo, indipendentemente dal fatto di pensare che la chiesa abbia delle colpe nei confronti degli ebrei. Penso che l'articolo non si possa definire articolo giornalistico.
saluti


 <  1  2