Annalisa CivitelliLo scorso 4 novembre, presso il Museo nazionale Romano di Palazzo Massimo a Roma, è stato presentato il nuovo portale www.camminiditalia.it: un atlante istituzionale on line dedicato agli itinerari 'slow', specificamente ai cammini d'Italia. Alla presenza del ministro dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo, Dario Franceschini, al coordinatore Commissione Turismo e Industria alberghiera della Conferenza delle Regioni e Province autonome, Giovanni Lolli e al Direttore generale della Direzione Generale del Turismo del Mibact, Francesco Palumbo, l'evento ha inaugurato un bel sito web che si prefigge di seguire una traccia ben precisa: il Piano strategico del Turismo 2017-2022. Esso vuol dotare l'Italia di una visione unitaria, sia dal punto di vista turistico, sia culturale. Se lo scorso anno, il 2016, è stato quello de 'i Cammini', i 'Borghi' sono stati, invece, i protagonisti del 2017. Il 2018 sarà a sua volta dedicato al cibo italiano, mentre il 2019 sarà all'insegna del 'turismo lento'. Lo ha dichiarato il ministro Franceschini in persona, ribadendo come il sito, inteso come una "road map", sia rivolto a chi desidera viaggiare in Italia a passo lento, per rispondere all'esigenza di porre il settore turistico al centro delle politiche di sviluppo del Paese. L'intento è dunque quello di creare "percorsi dolci e verdi", che attraversino lo stivale dalle Alpi alle isole. Un comitato congiunto tra il ministero, le Regioni, le Province autonome e l'Anci ha elaborato i criteri per ammettere nei 'Cammini' singoli itinerari proposti dalle Regioni stesse, secondo gli standard internazionali. In sintesi, i principali criteri individuati sono i seguenti: a) fruibilità dei percorsi; b) segnaletica orizzontale e/o verticale; c) descrizione online della tappa; d) servizi di alloggio e ristorazione entro i 5 km dal cammino; e) manutenzione del percorso garantita dagli Enti locali; f) la 'georeferenziazione' e un sito in cui sono raccolte le principali informazioni per i viaggiatori; g) infine, le connessioni tra i vari itinerari con nuove modalità di percorribilità. Al riguardo, sono pervenute ben 113 proposte, ma solo 41 sono state selezionate per www.camminiditalia.it sempre in aggiornamento. Sul portale ne troviamo 44 poiché, come ha tenuto a sottolineare il ministro, "investire sul turismo sostenibile significa attuare una strategia che si prefigge la tutela e la riproposizione innovativa dei luoghi, recuperandone al contempo la memoria, facendo quindi del territorio stesso un posto unico ed un circuito di bellezza straordinaria e indescrivibile. Camminare senza fretta e in armonia con la natura", ha concluso Franceschini, "permette di scoprire i vari borghi per viverne le atmosfere uniche, le quali, anche attraverso i sapori tipici locali, creano un peculiare connubio, per poi riprendere il percorso e quindi godersi il viaggio".

Il portale
La 'user experience' mette di fronte il fruitore a un sito dallo sfondo blu. Le voci del menù 'Cammini d'Italia', 'Piano strategico del Turismo' e 'Borghi-Viaggio italiano' sono i tre pulsanti in evidenza. In italiano e in inglese, si può navigare virtualmente incuriosendosi alle proposte del ministero dei Beni e delle Attività culturali e del Turismo. All'interno, troviamo informazioni, gallerie multimediali e le foto di ogni 'cammino', per scoprirne lo splendore. Cliccando su 'Cammini d'Italia', si visita la 'mappa dei cammini' - ognuno rappresentato dal proprio logo - affiancata da una finestra laterale che ne evidenzia 44 a disposizione del visitatore, il quale può acquisire ciò che è di suo interesse grazie a uno schema ben definito, che segue i requisiti internazionali. Un approfondimento dettagliato, insomma: la leggenda orizzontale evidenzia le tappe di ogni percorso e le regioni che attraversa, mentre le schede concordate con le Regioni informano e inviano ai link ufficiali di ogni 'cammino'. Da quelli dedicati ai santi (francescani, laureatani e benedettini) si giunge a quelli dei 'briganti', fino al 'Cammino di Dante', che attraversa i luoghi dove il sommo poeta visse in esilio e scrisse la 'Divina Commedia'. Il 'Sentiero della Pace', invece, ripercorre luoghi e memorie della prima guerra mondiale, mentre la via Appia, la Francigena, la 'via degli Dei' e il 'Cammino di San Vicinio' si uniscono ai precedenti, fornendo un'ampia varietà di luoghi da riscoprire. 'Cammini d'Italia' rappresenta una prima 'mappatura' dei 'sentieri d'Italia': un atlante che disegna una rete di mobilità 'slow' rivolto ai viaggiatori, che potranno scegliere di muoversi lungo l'Italia attraverso forme di mobilità sostenibile, promuovendo una dimensione turistica sempre più in crescita. Il portale mira quindi a far conoscere i luoghi italiani meno conosciuti, a valorizzarli a livello internazionale e a rilanciarli in chiave responsabile. Le esperienze saranno inoltre vissute lungo i viaggi sui treni storici ad alta panoramicità, gli itinerari culturali mirati, i cammini come le ciclovie e i viaggi a cavallo, a piedi e in bicicletta, entrando in contatto con le ricchezze più antiche del nostro Paese. Lo scopo è anche quello di recuperare le case cantoniere e i beni inutilizzati, gli spazi dedicati all'artigianato e all'enogastronomia, immergendosi in un patrimonio artistico fatto di buon cibo, paesaggio e spiritualità. Concludendo, il ministro Franceschini ha sottolineato che "per molti anni, i 'cammini' sono stati trascurati o ignorati dalle istituzioni: chi ha responsabilità nella gestione della cosa pubblica deve decidere cosa valorizzare". La scelta si allinea, insomma, a un tipo di escursionismo che arrivi in Italia cercando l'eccellenza, in opposizione a quel 'mordi e fuggi' spesso 'poco educato', tanto da non rispettare la bellezza della nostra penisola.  


Lascia il tuo commento

VICTORIA - ITALY - Mail Web Site - giovedi 7 dicembre 2017 13.23
Buongiorno
Io sono un particolare offerta prestiti ai privati ​​che
bisogno di affrontare con difficoltà finanziarie e sbloccare la situazione che che
puoi goderti il ​​rifiuto dei loro pacchetti applicativi prestito
.Sono un budget finanziario in grado di fare prestiti
hanno bisogno e le condizioni che rendono la vita più facile.
fare prestiti che vanno da € 3000 a € 2.000.000 per i tassi di interesse
2% a seconda dell'importo richiesto. Contattami e mi ha lasciato
Converse the importo che se desidera prenderà in prestito.
In attesa di sensire da voi. Vi prego di contattarmi direttamente al mio
mail: leningfinance0@gmail.com


 1