Andrea Giulia

Rita Carlini, nota al grande pubblico per le sue numerose e brillanti apparizioni da opinionista al ‘Maurizio Costanzo Show’, si è rivelata una delle autentiche ‘lieti soprese’ del recente 65° Festival del cinema di Venezia per la sua ottima interpretazione nel film ‘Il papà di Giovanna’, firmato dal grande maestro Pupi Avati.

Rita Carlini, lei è ormai al gettone di presenza numero quattro nel cast di un film di Avati: si direbbe ormai un sodalizio in piena regola quello con l’apprezzato regista bolognese...
“Non posso che sentirmi onorata di essere stata scelta per la quarta volta da un maestro come Pupi Avati. In questo caso, tra l’altro, per un ruolo ricco di sfumature emotive ed espressive. Provo un sincero affetto ed un’immensa gratitudine per Pupi e Antonio Avati”.
 
Lei ritiene decisivo, ai fini della sua maturazione artistica, l’aver lavorato, a parte la fiction ‘Don Matteo’, quasi esclusivamente con Avati?
“Sin da bambina ho sempre amato, a parte il genere brillante e quello horror, un certo tipo di cinema minimalista, poetico, fiabesco, dunque proprio quello che Avati rappresenta magnificamente. Ogni suo film è un viaggio meraviglioso: Pupi riesce a portarti a dimensioni espressive che non credevi nemmeno potessero assumere valenze così cariche di suggestioni simboliche. Sicuramente, lavorare con Avati rende ogni attore più consapevole delle proprie capacità espressive. In questi ultimi anni, sui set dei suoi film ho avuto modo di recitare con alcuni fra gli interpreti più straordinari del nostro cinema: Diego Abatantuono, Neri Marcorè, Carlo Delle Piane, Silvio Orlando, quest’ultimo premiato, nella recentissima edizione del Festival del cinema di Venezia, con la ‘Coppa Volpi’ come migliore attore protagonista proprio per ‘Il papà di Giovanna’. Per non parlare poi di tutti gli altri, forse meno celebrati, ma egualmente immensi per la loro dedizione assoluta ai ruoli che dovevano interpretare. Certamente, la scuola di Beatrice Bracco, docente all’Actor’s Studio, e quella del grande Marcel Marceau sono state conoscenze formative basilari per me, al fine di acquisire una tecnica attoriale completa. Ma le esperienze dirette con Avati, quelle con gli altri attori e le altre attrici e la vita quotidiana sul set sono le cose che più mi hanno aiutata a completare, in termini di spontaneità, la mia tecnica recitativa”.
 
Ne ‘Il papà di Giovanna’ lei interpreta Lia, un ruolo che funge da elemento di ‘rottura’ accanto a personaggi che vivono autentici drammi: pensa che Avati l’abbia scelta proprio per ‘alleggerire’ la tensione di talune scene tramite la sua nota estrosità?
“Penso di sì: Pupi mi ha sempre considerata un’attrice in grado di esprimere un’idea sempre molto allegra e spensierata della vita…”.
 
Tuttavia, nel precedente film, ‘Il cuore altrove’, lei dovette interpretare una parte carica di sex appeal: ritiene che una delle sue carte vincenti possa essere proprio questo mix, a prima vista insolito, tra sensualità e ‘verve’ comica?
“Vede, io risulto una ragazza ‘carina’, dotata di caratteristiche fisiche interessanti: le ‘forme’ mi hanno indubbiamente aiutata, in passato, anche se ho sempre cercato di proporre queste mie qualità in una chiave spiritosa, che togliesse qualsiasi sospetto di supponenza. Ma ciò che mi ha sempre interessato realmente era di potermi esprimere attraverso la recitazione, senza troppo contare su facili popolarità alla fin fine anche un po’ effimere…”.
 
Dopo i riconoscimenti ricevuti a Venezia pensa di tuffarsi immediatamente in nuovi progetti cine-televisivi? Può anticiparci qualcosa sui suoi prossimi impegni?
“Presto inciderò un disco nel quale reinterpreterò le più belle canzoni di Bachrach insieme all’autore teatrale Sergio Gibilisco, il nipote di Tomasi da Lampedusa, lo scrittore de: ‘Il gattopardo’. Poi lavorerò in un musical, intitolato ‘I mitici Beatles’, che sarà presto in scena al Teatro Verde e a quello dell’Orologio. Infine, ho avuto una proposta molto interessante per una fiction, anche se è ancora prematuro parlarne. Ora mi sto godendo le soddisfazioni per il film ‘Il papà di Giovanna’ e, come progetto privato, voglio trovare il tempo per un viaggio a Parigi con il mio fidanzato”.

Lascia il tuo commento

giancarlo nardini - roma - Mail - venerdi 10 ottobre 2008 12.45
Saro' sincero, io della Carlini ho in mente l'immagine al Costanzo dove mi faceva morire dal ridere e attizzare non poco quando mostrava generosamente le sue forme da pin -up .Ho scoperto che fa l'attrice e mi son rivisto isuoi film ;accidenti che camaleonticita' e che coraggio ad accettare ruoli anche coperta dalla testa ai piedi e senza un filo di trucco e orpelli.,E' bravina certo, ma il massimo sarebbe che qualche regista illuminato la utilizzasse tout-court perche' e' la rappresentazione secondo me della vera femminilita' che fa sognare gli uomini !
Andrea Giulia - Roma - Mail - domenica 14 settembre 2008 13.18
Gentilissimo Sig. De Dominiciis, la ringrazio per il suo commento. In effetti, con quest'intervista, a prima vista non in linea con gli argomenti generalmente trattati da www.laici.it, abbiamo voluto valorizzare una brava attrice emergente allo scopo di sottolineare come, tra tante cosiddette nuove vips, vallette e veline che spesso ottengono una popolaritÓ non giustificata dalla propria effettiva preparazione artistica, vi sia invece tutto un mondo sommerso della musica, del cinema e del teatro italiano, che viene scarsamente trattato dagli organi di informazione ed in cui tuttavia esistono numerosi artisti che si impegnano a fondo.
La saluto cordialmente.
ANDREA GIULIA
Fulvio De Dominiciis - roma - Mail - domenica 14 settembre 2008 0.42
SALVE!HO AVUTO MODO DI VISIONARE QUEST'ULTIMA PELLICOLA DEL SEMPRE IMPEGANTO E PROFONDO REGISTA EMILIANO! E A PARTE LA BRAVURA ACCLARATA DI SILVIO ORLANDO E DELLA CONSUMATA FRANCESCA NERI, HO APPREZZATO MOLTO IL CONTRIBUTO,SECONDO ME NON MARGINALE,DI QUESTA ATTRICE DI CUI RICORDAVO SOLO LE NUMEROSE APPARIZIONI AL COSTANZO SHOW! SONO DAVVERO RIMASTO PIACEVOLMENTE SORPRESO! DALLA BRAVURA DI RITA CARLINI! PUR IN UN RUOLO CON POCHE BATTUTE COME QUELLO DI LIA! MA CHE BRAVA E SPIGLIATA!..QUESTA RITA! ED E' PURE SEXY! E CAPITA COSI' DI RADO..OGGIGIORNO..CHE LE 2 COSE VADANO A BRACCETTO.....


 1