Antonio Di Giovanni

I sindacati sono famosi per gli scioperi, per i tavoli di concertazione, per le parate romane con i pensionati e per le riunioni all’immenso tavolo con il governo. E i contratti dei lavoratori? Gli aumenti in busta paga? La salvaguardia del posto di lavoro? Preistoria. L’epoca del padrone che dava del tu all’operaio ma non gli permetteva il contrario, è stata sconfitta proprio da quei sindacati che, anche se ideologicamente schierati, erano in sana concorrenza tra di loro e si facevano carico dei problemi dei lavoratori, di quei lavoratori che erano la maggioranza degli iscritti. Oggi, i sindacati gli iscritti li pescano tra i pensionati. Diffidenza? Rassegnazione? O molto più semplicemente delusione? Dalla nascita della triplice, legata con vincoli ferrei, il sindacato è diventato potere politico, grazie anche ad una nuova versione dell’antica formula della ‘cinghia di trasmissione’, che oggi non è più di collegamento con i partiti della classe operaia, bensì con le direttive di alcuni esecutivi. Ed è per questo che esso non gode più della fiducia di molti lavoratori. Chiunque, ormai, li vede come autentici fiancheggiatori dei governi di centrosinistra e, quindi, va da sé, non in grado di garantire quell’equità di cui ci sarebbe bisogno. Non a caso abbiamo o abbiamo avuto, nelle fila della sinistra parlamentare, i leader dei maggiori sindacati: Sergio D’Antoni, Franco Marini, Fausto Bertinotti, Giorgio Benvenuto e Sergio Cofferati. Le modificazioni intervenute nel sistema politico hanno inasprito e inciso profondamente sugli assetti del sindacato confederale. Mentre, nella prima Repubblica, le confederazioni storiche si specchiavano nel sistema politico, riflettendone simmetricamente la medesima immagine a suo modo pluralista, oggi, in un sistema bipolare, esse finiscono col riconoscersi solo in uno dei due schieramenti contrapposti. In buona sostanza, la ‘triplice’ si è rivelata un serio alleato del centrosinistra pur essendo il voto dei lavoratori ben più articolato. Il movimento sindacale, in realtà, già da un po’ di anni ha scoperto una nuova vitalità. Ed ha cominciato ad esprimere tutto il suo potere sul terreno della politica economica trasformandosi da sindacato a finanziaria con enormi risorse, patronati, Caaf e gestione fondi, banche e assicurazioni. E allora basta con le concertazioni, basta con il ruolo politico del sindacato: che ciascuno torni a svolgere la propria funzione e il proprio mestiere, la confederazione pensi ai contratti, il governo alla politica economica e alle riforme, il parlamento alle leggi. Non si può continuare a dire ‘Sì’ ai governi amici e ‘No’ a governi ‘nemici’, bensì tornare all’essenza della propria personalità sindacale e dire ‘Sì’ a governi giusti e ‘No’ a quelli ingiusti, senza condizione alcuna: solo cosi ne beneficerebbero i lavoratori e, probabilmente, anche gli imprenditori e le Pubbliche Amministrazioni. Questo tipo di conformismo ideologico dei sindacati finisce, infatti, col rappresentare l’alibi delle burocrazie parassitarie, condannate da tutte le economie e da tutte le storie.


Lascia il tuo commento

DELTA39 - ROMA - Mail - mercoledi 21 novembre 2007 18.58
SIG VLAD MA LEI VIVE IN ITALIA O ALTROVE, PERCHE' MI SA CHE DI SINDACATO NE SA BEN POCO.....
O FORSE LEI VIVE DI RENDITA E NON NE CONOSCE NEMMENO IL SIGNIFICATO. SE IL SINDACATO TORNASSE A FARE GLI INTERESSI DEI LAVORATORI NE BENEFICEREBBERO TUTTI. SE STIAMO IN QUESTA SITUAZIONE SABBIAMO BENE DI CHI SONO LE COLPE...NON NASCONDIAMO LA TESTA COME GLI STRUZZI.
E SMETTIAMOLA CON STO BERLUSCONI COME SE FOSSE IL MALE DI TUTTA L'ITALIA...CERCHIAMO UN PO DI ESSERE UN TANTINO RAZIONALI.
vlad - marsala - Mail - martedi 20 novembre 2007 17.56
ma le sciocchezze che scrive le pensa veramente oppure giele suggerisce qualcuno? Ha mai sentito parlare di patto per l'Italia o ha seguito le ultime vicende e conseguente dibattito sul tema dello stato sociale? E perch mai , in ogni caso, dei sindacati dei lavoratori dovrebbero essere amici di governi come quello del berlusca il cui unico intento era di colpire g li stessi sindacati o almeno alcuni di essi.


 1