Vittorio LussanaL'atteggiamento di molti esponenti di Forza Italia nei confronti del nascituro Governo 'M5S-Lega' è decisamente divertente. "Un esecutivo che non ci appartiene", ha dichiarato la senatrice Anna Maria Bernini, una simpatica 'destroide' di cui abbiamo apprezzato, in passato, le coraggiose posizioni a favore del 'ddl Cirinnà' sulle 'Unioni civili', in totale disaccordo con quelle del suo Partito. Sta dunque per nascere un esecutivo 'figlio di nessuno'. E tuttavia, con la Lega qualcuno ci si è alleato, alle recenti elezioni. Un connubio che ha finito con lo svuotare il 'grosso' dell'elettorato di Forza Italia, soprattutto nel centro-nord. Oggi, Matteo Salvini è libero di vivere la sua 'avventura' con i 'grillini' e, magari, di trasformare la Lega nella 'forza-collante' dei moderati italiani. Insomma, quello di Forza Italia è lo stesso, identico, atteggiamento di Matteo Renzi, il quale, sull'altro versante, si è ormai convertito al 'voyerismo' più estremo, guadagnandosi del tutto la 'sponda' dei 'cuckold'. Ognuno ha le sue 'fisse' e perversioni, per carità. Ma questa deriva 'guardona' di Pd e Forza Italia dà l'idea di un desiderio ormai in via di affievolimento, di una sessualità da terza età, in cui anche limitarsi a guardare pare abbia il suo perché. Ma temiamo anche, che questa 'deriva guardona' sia un preciso segnale di crepuscolo, nonostante la riabilitazione di Silvio Berlusconi da parte dei giudici di Milano. Viene quasi voglia di organizzare un 'incontro-revival' tra 'vecchie glorie', in cui rimembrare gli antichi deliri del passato, senza minimamente sentirsi responsabili delle conseguenze infauste che questi Partiti hanno generato sui destini di due intere generazioni di giovani. Il Psi di Nenni e Lombardi, insieme all'antica area laica 'lamalfiana', aveva a cuore il destino delle generazioni future. Persino il pedagogismo esasperato del Pci, che certe volte era persino più bigotto di quello dei democristiani, rappresentava un segnale di attenzione verso l'educazione civica e una buona formazione dei cittadini del futuro. Vi era un disegno, allora, più o meno condiviso: quello di liberare gli italiani dalla loro arretratezza economica, sociale e culturale. La seconda Repubblica, invece, ha solamente dato la 'stura' ai peggiori estremismi e qualunquismi che vi erano in circolazione: più gretti ed egoistici delle vecchie culture di destra; più materialisti e cinici dell'italo-marxismo di derivazione 'togliattiana'. Persino il qualunquismo 'andreottiano' era assai più colto di quello di questa gente qua. Cara senatrice Bernini, ripudiare un Governo che è l'esatto risultato di una terrificante confusione 'pornografica' è come affermare di essere rimasta 'incinta' per colpa degli alieni. La Lega di Matteo Salvini e il M5S di Luigi Di Maio sono la conseguenza più evidente di un'incapacità e di un'incompetenza che, a prescindere dalle distinte posizioni di principio, hanno trascinato l'Italia nel 'baratro' dell'antipolitica. Non soltanto il Governo che sta per nascere è figlio assolutamente legittimo di Pd e Forza Italia, ma addirittura ci costringerà tutti quanti ad andargli dietro con silente preoccupazione, come quando si inseguono, nella notte, dei 'sonnambuli' per impedire loro di andare a sbattere contro un muro, o di camminare sui cornicioni dei palazzi di città. E' pericoloso svegliare un sonnambulo, poiché si rischia un attacco cardiaco improvviso. E, al contempo, bisogna seguirlo con le braccia ben tese intorno a lui, per fare in modo che non cada da una finestra o non si getti inconsapevolmente da un balcone, facendo 'spiaccicare' l'intero Paese sul selciato. Quella messa in scena durante gli anni della seconda Repubblica è stata una versione totalmente 'trash' della politica. Vera e propria 'spazzatura': questa è la verità. E adesso ci si permette anche il lusso di rinnegare il risultato di questa sorta di 'club privé' in cui tutti hanno "fatto robba" - come si dice a Roma - con tutti gli altri. Ragionando in 'antitesi' e senza nutrire alcuna simpatia per 'leghisti' e 'grillini', peggio di quel che è accaduto in questi ultimi 25 anni di vita politica del nostro Paase non crediamo si possa fare. Anche se è vero che al 'peggio' non c'è mai fine.




Direttore responsabile di www.laici.it e della rivista mensile 'Periodico italiano magazine' (www.periodicoitalianomagazine.it)

Lascia il tuo commento

Roberto - Roma - Mail - sabato 19 maggio 2018 4.13
Sempre meglio "sonnambuli" che arroganti e superficiali come il signorino di Scandicci. E perci prima si parte, poi si correggeranno le cose lungo la strada. Perche' giudicare prima del tempo?
Cristina - Milano - Mail - giovedi 17 maggio 2018 14.37
Anche noi cittadini staremo a guardare, purtroppo.
Corrado - Roma - Mail - giovedi 17 maggio 2018 0.16
Vediamo almeno come ci si approccia a questo "nuovo" che tutti temono perch inusuale, ma che l'esatta bandiera di una conclamata "vox populi". Meglio rischiare ma sfuggire a gambe levate dall'astio asfittico di un Martina che, poverino, pare accollarsi e promuovere tutti i "menagramo" di quella residua armata brancaleone che non si da pace per il medio sollevatogli dagli italiani. Ancora un po' e chiedera' il riconteggio dei voti.


 1