Michele Di MuroLa missione europea, condotta in collaborazione con la 'Roscomos' russa, nella quale l'Italia svolge un ruolo di primo piano e che avrebbe dovuto portare sul suolo marziano il modulo 'Schiapparelli', non è andata secondo i piani prestabiliti. La sonda 'Trace Gas Orbiter', partita lo scorso 14 marzo dal cosmodromo di Bajkonur, in Kazakistan, ha regolarmente raggiunto il pianeta rosso il 19 ottobre, posizionandosi magistralmente attorno a un'orbita ellittica, suscitando l'entusiasmo del team Esa presso l'European space oprations centre (Esoc) di Darmstadt. 107 minuti dopo l'inizio di questa manovra di assestamento l'Edm (Entry, descent & landing demonstrator module) è così entrato nell'atmosfera di Marte. L'agenzia fa sapere che, prima di quest'attimo, precisamente alle 14:42 UTC (tempo coordinato universale), era stato stabilito un contatto con l'italianissimo modulo (staccatosi dal Tgo il 16 ottobre) tramite il 'Giant Metrewave Radio Telescope', allocato in India, presso Pune. Tale evento è avvenuto 75 minuti dopo l'inizio della trasmissione di un segnale 'beacon', poco prima cioè che il lander raggiungesse lo strato superiore dell'atmosfera. La discesa automatizzata, della durata di 6 minuti, prevedeva una decelerazione tramite l'apertura di paracadute e l'azionamento di 'retrorazzi'. Durante questa delicata sequenza, il segnale è andato però perduto, un minuto prima che il modulo toccasse il suolo. Le informazioni a disposizione degli scienziati hanno permesso una prima ricostruzione dell'accaduto. Pare, infatti, che durante la discesa il computer di bordo, ricevendo dati inesatti, abbia deciso di spegnere i retrorazzi, che hanno funzionato per soli tre secondi sui trenta previsti, causando probabilmente lo schianto al suolo dello Schiapparelli, avvenuto a circa 300 chilometri orari da un'altezza compresa tra i 2 e i 4 chilometri. Come dichiarato all'Ansa dal direttore delle operazioni di volo delle missioni Esa, Paolo Ferri, sono in corso indagini che faranno luce sull'accaduto e i cui risultati giungeranno entro 'due-tre settimane'. Nel frattempo, la sonda 'Nasa Mro' ha fornito la prima immagine del 'Meridiani Planium', che mostra due nuove 'macchie', inesistenti nelle fotografie precedenti: la prima indicherebbe il punto in cui sarebbe precipitato lo Schiapparelli, che ha generato un cratere di circa 15 metri per 40, mentre la seconda, distante un chilometro, dovrebbe identificarsi col paracadute. Si è trattato quindi di un fallimento? I diretti interessati affermano di no. Come dichiarato da Roberto Battiston, presidente dell'Agenzia spaziale italiana: "L'Europa ha un suo satellite nell'orbita di Marte". Il Tgo, infatti, continua la sua attività alla ricerca della presenza di metano e altri gas nell'atmosfera del pianeta 'rosso', possibili indizi di una vita attiva sul pianeta. Lo strumento Amelia, posizionato all'interno del lander, durante la discesa ha trasmesso regolarmente fino a poco prima dell'impatto. Dan McCoy, project magaer della missione 'ExoMars', ha reso noto che la maggior parte dei dati riguardanti l'analisi dell'atmosfera e le prestazioni ingegneristiche del lander sono stati puntialmente raccolti e saranno utili nel proseguo futuro della missione. Il capo-progettista, Stephen Lewis, secondo quanto riporta il sito Euronews, ha sottolineato come "potrebbero mancare i dati sulla densità dell'atmosfera marziana". Quasi a giustificare il buon utilizzo degli 1,5 miliardi di euro spesi, il 35% dei quali italiani, il Direttore generale dell'Esa, Jan Woerner, ha sottolineato come la discesa dello 'Schiapparelli' "sia stato un test di atterraggio che ci ha fornito informazioni per poter condurre al meglio la prossima fase della missione, ExoMars 2020, che porterà su Marte un rover con tecnologia eurpoea. Abbiamo i dati, il test è andato a buon fine e mi ritengo soddisfatto". D'altro canto, il modulo 'Schiapparelli' nei pochi giorni di autonomia avrebbe potuto inviare, grazie alla centralina meteo di quattro chilogrammi 'Dreams', preziose informazioni circa i parametri metereologici e il campo elettrico-atmosferico in prossimità del suolo di Marte. Il drammatico epilogo ha quindi reso in parte vane le tre missioni nel 'Sarah', condotte allo scopo di testarne la resistenza alla difficili condizioni aliene. Gli scienziati a capo della missione si mostrano, tuttavia, ottimisti e i risultati delle indagini in corso, oltre a far luce su quanto accaduto, consentiranno di mettere a punto 'migliorìe', in previsione della prossima missione che porterà sul suolo marziano un rover capace di spostarsi. Dotato di un trapano di due metri, che perforerà il terreno, sarà a sua volta completato da uno 'spettrometro' per l'analisi dell'evoluzione, geologica e biologica, del sottosuolo.


Lascia il tuo commento

Francesco Mol - pisa/Italia - Mail - martedi 25 ottobre 2016 21.2
Interessante la modalit di ragionamento dei programmatori del computer di bordo: se ricevo dati inesatti cosa faccio? Ovvio: spengo i retrorazzi, non possono mica restare accesi in presenza di dati inesatti! Dove chiaro che spegnerli sicuramente pi dannoso che lasciarli accesi. Bravi, ragazzi, continuate cos.
Renato Delfiol - Firenze - Mail - lunedi 24 ottobre 2016 22.33
Sono d'accordo che probabilmente la missione non fallita del tutto; anzi i risultati che la sonda in orbita potr fornire saranno certo importanti. Certo, sarebbe stato meglio aspettare l'arrivo prima di suscitare un tam tam mediatico sulla eccellenza della nostra tecnologia.


 1