Massimo FilipponiEcco una serie di trucchi utilizzati da coloro che sono soliti affermare: “Se uno vuole, lavora”. Oppure: “Io, nella mia attività,  faccio lavorare…”, per poi constatare che hanno mensilità  arretrate da riscuotere e che i loro ‘capi’ sono andati  in vacanza nei casinò della Slovenia. Insomma, nell’attuale mercato del lavoro l’escamotage è sempre quello di chiedere: “Cosa sai fare”? Perché qualsiasi cosa tu dica, ti risponderanno che a loro serve tutt'altro. E se tu affermi che sai fare di tutto, ti rispondono che necessitano di competenze specifiche. Se poi sono amici, ti dicono: “Guarda, dato il rapporto che ho con te non me la sento di farti fare lavori umilianti…”. Oppure: “Per il personale, non me ne occupo io”. E così via. Nelle grandi aziende, invece, vieni giudicato “vecchio”, poiché si cerca personale al di sotto dei 35 anni di età. Ma si può star certi che se si presenta un venticinquenne, gli diranno che cercano persone con maggior esperienza. Da ciò prendi atto che il profilo preteso è: un venticinquenne con quattro lauree, che parli 4 lingue, che sia dotato di un dinamismo forte, che sappia fare da idraulico, elettricista, autista, giardiniere e venditore, che abbia almeno venti anni di esperienza sulle spalle e sia disposto a lavorare 10 ore al giorno con stipendio part time di 600 euro. Ebbene: a) se esistesse un essere simile, vuol dire che hanno costruito ‘Terminator’ e noi non lo sappiamo; b) se lo hanno costruito, che mettono a fare gli annunci? Basta comprarlo in fabbrica! Probabilmente, ne vogliono uno che poi possano non pagare…; 3) considerando che le cose stanno così, l'unico pensiero che ti viene alla mente, dopo esserti illuso, è: “Mi stanno prendendo in giro…”.


Lascia il tuo commento

maria - firenze - Mail - lunedi 3 settembre 2012 9.9
Sono molto vicina a quello che lei ha scritto rispetto all'argomento " mercato del lavoro", vorrei aggiungere che resto meravigliata che tutti diciamo le stesse cose e nessuno ha un carisma capace di denunciare quello che accade e proporre una nuova etica sociale trascinante e credibile.
Per esperienza personale:
Ho un filfio come categoria protetta e mi creda che Ŕ stata una via crucis avere un lavoro adeguato alla patologia Ŕ una combinazione o una raccomandazione, i concorsi sono solo per coloro che sono iscritti alle categorie protette al momento del bando, per cui cosa succede che uno che Ŕ entrato come magazziniere..... per una vita deve fare solo in magazziniere e se poi per qualche motivo non pu˛ pi¨ farlo..... siccome si tratta di una categorai protetta non pu˛ fare l'impiegato perchŔ........ le possibilitÓ sono sempre discutibili.
MI CREDA chiamatele pure categorie protette io le chiamo Categorie Perseguitate.
Saluti, gradirei una risposta per scambiare questo angolo oscuro del mercato del lavoro, dove vige solo la conoscenza.
Maria Pugliese


 1